Data value per il Cliente prima della data monetization

Appare sempre forte in tutte le organizzazioni che hanno come asset i dati o che si stanno accorgendo di avere dati nei loro asset  quella che io chiamo “l’ansia da data-monetization”. Il fenomeno “Big data”, che ho cercato di inquadrare in questo blog nel giusto contesto, ha contribuito ad accrescere la consapevolezza, all’interno di aziende di qualsiasi settore, che la crescita del volume dei dati e la tecnologia possano creare nuovi asset di valore. Ma dalla consapevolezza o dall’idea all’effettiva creazione di valore esiste una distanza siderale che la maggior parte delle organizzazioni non sa colmare in maniera corretta per la mancanza di fattori umani e strategici sui quali l’innovazione procede molto lenta.
RicercaBigDataOsservatoriCome avevo già scritto, infatti, capire il problema che viene risolto con specifici dataset, algoritmi o framework tecnologici è l’aspetto più complesso della datascience, perchè significa avere consapevolezza contemporaneamente della semantica dei dati e dei bisogni del Cliente. Questa difficoltà porta ad anteporre troppo spesso la creazione di prodotti che siano vendibili sul mercato all’analisi delle reali esigenze dei Clienti che useranno i prodotti stessi. Questa è, a mio giudizio, una delle tre principali cause del fallimento dei progetti Big Data a livello mondiale.
La seconda causa nasce spesso dall’approccio organizzativo di questi progetti: anzichè usare approcci lean e agile, che si adatterebbero molto bene alla complessità del contesto, si usano più frequentemente approcci waterfall tradizionali con la creazione di molti “strati” decisionali e operativi che rallentano i primi rilasci e allontano il team di progetto dal Cliente. Proprio in questa ottica di diminuire la distanza con il Cliente il numero 3 è già un numero imperfetto! Infatti oltre al Product owner, che secondo la migliore definizione di Pichler deve avere un piede nel team e uno nel mercato, solo una figura di Product Manager che conosca in maniera approfondita Clienti e mercato è a mio giudizio accettabile. Ma in molte start-up di successo questa figura collide. In aggiunta l’approccio agile e la sua logica di Minimum Valuable Product portano a capire molto presto con il Cliente eventuali errori di progettazione o di analisi che possono essere corretti in maniera iterativa in tempi rapidi. Solo in questo modo, accorciando la distanza tra il progetto e chi lo usa, si riesce a fare in modo che il data value non sia sacrificato troppo presto sull’altare di ricavi e profitti che invece sul medio periodo, non tanto paradossalmente, vengono penalizzati proprio da questa miope strategia.
La terza causa è probabilmente dovuta all’evoluzione che questo tipo di progetti ha avuto negli ultimi 10 anni e che ha di fatto fornito molta più centralità, rispetto al passato, ai datascientist, o comunque a figure che conoscono dati e tecnologia e che invece hanno poca centralità nei processi decisionali dei progetti stessi. E questo diminuisce ulteriormente la capacità di capire il valore che si sta creando ai Clienti.

Sono sempre più convinto che se la maggior parte delle aziende non risolverà queste tre problematiche, cioè non metterà al centro dei progetti “data-driven” l’analisi delle esigenze del Cliente, l’approccio agile e le figure che meglio conoscono i dati, “l’ansia da data-monetization” diventerà presto “nevrosi da data-monetization” a vantaggio di quelle realtà, spesso geograficamente posizionate in area anglofona, che lo hanno capito.

Insomma tra big data e big profit la via non è breve e scontata e passa sempre attraverso il valore che si crea al Cliente. Le modalità per provare a percorla al meglio sono e saranno oggetto di discussione di questo blog senza presunzione di dare risposte definitive!

Annunci
Data value per il Cliente prima della data monetization

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...